George Orwell: 1984

Dopo la mia lettera aperta al ministro Fioroni posso arricchire il blog citando Orwell nella sua opera più famosa. "Il grande fratello" edizione Oscar Mondadori:

"... Era però altrettanto chiaro che un incremento generalizzato del benessere avrebbe avuto come effetto indesiderato la distruzione di una società organizzata gerarchicamente. Già in un mondo in cui tutti avessero lavorato solo poche ore, avuto cibo a sufficienza, vissuto in case fornite di bagno e frigorifero, posseduto un'automobile o addirittura un aereo, sarebbero scomparse le forme di ineguaglianza più ovvie e forse più importanti. Una volta, poi, che una simile condizione fosse divenuta generale, la ricchezza non sarebbe stata più un segno di distinzione tra un individuo e l'altro. Era possibile, naturalmente, immaginare una società in cui la ricchezza, intesa come possesso di beni personali e di lusso, venisse distribuita equamente, nel mentre il potere restava nelle mani di una minuscola casta privilegiata, ma nella pratica una società del genere non avrebbe potuto rimanere stabile. Se, infatti, il benessere e la sicurezza fossero divenuti un bene comune, la massima parte delle persone che di norma sono come immobilizzate dalla povertà si sarebbero alfabetizzate, apprendendo così a pensare autonomamente; e una volta che questo fosse successo, avrebbero compreso prima o poi che la minoranza privilegiata non aveva alcuna funzione e l'avrebbero spazzata via. Sul lungo periodo una società gerarchizzata poteva aversi solo basandosi sulla povertà e sull'ignoranza."

Caro Ministro Fioroni, provveda lei a fornirci, fra 30 anni, una classe politica impregnata di cultura e padrona della lingua inglese !





Saluti
Massimo De Disprezzo
www.maxdisprezzo.com

Commenti

Post più popolari