Sulla globalizzazione

Secondo il De Mauro il termine significa: tendenza di mercati, imprese o comunità nazionali a operare in una dimensione mondiale, superando i confini dei singoli stati

Secondo Wikipedia otteniamo questa definizione: In campo economico la globalizzazione denota la forte integrazione nel commercio mondiale e la crescente dipendenza dei paesi gli uni dagli altri. Con la stessa parola si intende anche l'affermazione delle imprese multinazionali nello scenario dell'economia mondiale: In questo settore si fa riferimento sia alla produzione spesso incentrata nei paesi del sud del mondo; sia alla vendita, che vede i prodotti di alcuni marchi molto sponsorizzati in commercio in quasi tutti i paesi del mondo.

Secondo l'autorevole enciclopedia Britannica la globalizzazione è un processo attraverso il quale l'esperienza di vita di ogni giorno, segnata dalla diffusione di oggetti e di idee, diventa "standardizzata" in tutto il mondo.

Tutte parole difficili per indicare in realtà dei concetti molto semplici.
E' Grazie a questo fenomeno che possiamo viaggiare in tutto il mondo e trovare esattamente gli stessi prodotti, tutti ugualmente realizzati in Cina.

Dobbiamo dire grazie alla Globalizzazione quando, torniamo dall'Egitto con un bel souvenir "esotico" e scopriamo che lo stesso è in vendita al negozio, sotto casa, ad un prezzo inferiore.

E' sempre grazie a questo fenomeno che i nokia di tutto il mondo hanno la stessa suoneria standard. Se il mio cellulare squilla su una spiaggia greca, i 10 vicini di ombrellone controllano i loro cellulari che hanno la mia stessa identica suoneria.

Paradossalmente la globalizzazione permette di apprezzare le stesse identiche cose in maniera diversa. Se in un supermercato della Croazia troviamo lo stesso pacco di pasta Barilla che si trova in Italia, combinato con lo stesso sugo pronto, anch'esso Barilla, non esitiamo un attimo a comprarlo.
E così in Italia lo cuciniamo per mancanza di tempo e con un pizzico di rassegnazione, all'estero invece lo apprezziamo come un gradito souvenir di patria.

Neanche i Format televisi sfuggono alla globalizzazione. Se un programma televisivo è andato bene in un paese, quasi sicuramente andrà bene anche in altri paesi, e le multinazionali lo sanno. E così, andando all'estero e accendendo la televisione "locale", ritroviamo le stesse sceneggiature, le stesse sitcom, le stesse trame.

La globalizzazione è un processo socio-economico che consente alle multinazionali di ottimizzare i guadagni rendendo i consumatori paritari tra loro.
La globalizzazione cerca di rendere tutti uguali popoli che tra loro non sono uguali e che forse non vogliono esserlo.

Secondo il mio modesto parere, la globalizzazione è il comunismo dei capitalisti.


Massimo De Disprezzo

www.maxdisprezzo.com

Commenti

Post più popolari