La storia che si ripete

Lo ammetto, sono stanco.

In origine questo Blog doveva essere la mia valvola di sfogo per tutte le idiozie compiute dagli uomini nel relazionarsi con il futuro. Invece sono stato raggiunto da ondate di stupidità assoluta. Con questo post cercherò di chiudere gli argomenti sulla politica e sui giornalisti. Un uomo solo non può combattere secoli di stupidità geneticamente radicata. Ho condotto la mia battaglia ma, ahimè, ho perso la guerra.

Sono stufo di vedere dei processi immaginari a Porta a Porta con Bruno Vespa, in pensione ma assunto dalla Rai come consulente esterno. E' stato il fidanzato ? E' stata la mamma ? E' stato Taormina ?

Tutte discussioni basate su aria fritta e parlantina. Sono disgustato.

Le peggiori trasmissioni sono quelle dove viene offerto un microfono ai politici.

Il politico è un essere pericoloso. Vive circondato da sorrisi, cravatte e microfoni, aumenta il suo potere con le promesse. Le promesse sono direttamente proporzionali alla popolarità. Più sono grandi e più sono vuote. Più sono incredibili e più gli italiani le apprezzano. Di notte però, il politico che per tutto il giorno sbandiera gossip e frecciatine sui colleghi, invoca la privacy a regime assoluto. Davanti ai giornalisti servi deve apparire tutto alla luce del sole. Il politico si fa vedere nelle scuole, si fa vedere in chiesa, si fa vedere pure ai gran premi di formula uno !

Di notte invece si deve mantenere il riserbo più assoluto.

Si ferma a chiedere informazioni ad un Trans ? - E allora ?

Viene beccato con due squillo in albergo ? Una è in overdose per la cocaina regalatele pocanzi ? - E allora ? Poverino soffre perchè ha la moglie lontana, non infierite se è costretto ad andare a mignotte !!!

Viene beccato su una strada extraurbana contromano in auto senza patente ? - E allora ?

Compra una casa da 26 vani nel centro di Roma ad 1/5 del valore commerciale ? - E allora ?

Noi Italiani siamo vaccinati allo schifo politico. Gli inciuci politici ci scivolano addosso. Il nostro motto è sempre stato: vivi e lascia vivere.

C'è solo un problema. I nostri genitori hanno vissuto un periodo di boom economico, e quando si vive bene, quando circola il denaro, insomma quando tutto sommato non ti manca niente perchè hai un posto fisso, allora ti frega poco se l'eletto di turno gira con l'autista, va a mignotte o compra la cocaina con i soldi dei contribuenti.

I problemi nascono quando le fabbriche chiudono, quando gli appalti pubblici non sono più un serbatoio di posti di lavoro, quando le “esternalizzazioni” spostano la produzione in Cina e in Italia lasciano solo i manager a contare i soldi. (nota 1)

A quel punto la gente che non ha più soldi comincia ad interessarsi davvero a quello che fanno i politici. Comincia a ridere di meno quando sente Beppe Grillo e comincia ad incazzarsi di più quando lancia i suoi vaffanculo. Non serve un docente universitario per capirlo. Quando il popolo non ha lavoro, comincia a urlare "governo ladro!".

Questi 4 fanfaroni che ci ritroviamo in Italia ormai hanno perso il treno della credibilità. Prima bastava andare in televisione e promettere, adesso che la gente ha il tempo per ricordare, e il tempo ce l'ha perchè non lavora, non basta più.

Siamo tutti stufi di sentire le promesse su quello che faranno. Io voglio sentire in Tv le discussioni su quello che hanno fatto. I giornalisti SERI dovrebbero vietare le discussioni al futuro. I giudici condannano o assolvono gli imputati sulle intenzioni future ? NO ! Valutano i fatti accaduti. E allora perchè noi diamo fiducia alle promesse ? Prima i fatti, dopo la fiducia. Ogni mese si dovrebbero avere dei resoconti in Tv sull'operato del governo. Qui invece assistiamo sempre al solito scaricabarile.

Chi sta al governo dice che è tutto a posto e non potrebbe andare meglio di così, chi sta all'opposizione afferma esattamente il contrario. Lo speaker del Tg1 non conosce minimamente i fatti, riporta solo le interviste rilasciate al microfono.

Ma è un giornalista o un “amplificatore di palle” ?

Se poi 330.000 persone firmano per 3 concretissime proposte si legge, l'animale politico di turno conia il termine “antipolitica”. Cioè 330.000 si riuniscono, nel pieno rispetto della costituzione, per chiedere 3 soli punti su cui nessuno può dire nulla di male... e vengono definiti ANTI POLITICI ? Ma qui siamo davvero al delirio. Siamo all'eletto che sputa in faccia ai suoi elettori. Non voglio usare toni più forti perché oggi in Italia c'è un enorme rischio, e non voglio rientrarvi.

C'è il rischio che hanno subito in passato tutte le democrazie corrotte.

Il potere genera dittatura.
La dittatura genera insofferenza.
L'insofferenza genera le rivolte.
Le rivolte generano la democrazia.
La democrazia genera benessere.
Il benessere genera corruzione.
La corruzione genera insofferenza.
L'insofferenza genera le rivolte.

E con le rivolte c'è sempre chi pronuncia le famigerate parole:
“Servirebbe un despota illuminato per mettere tutto a posto...”

Dato che la storia si ripete è bene ricordare come andrebbe a finire. Non dobbiamo permettere che il primo pincopallino, cavalcando la tigre del malcontento, con un colpo di mano possa mettersi a capo di tutti questi cialtroni scansafatiche che abbiamo al governo. Dobbiamo essere vigili, abbiamo la rete, usiamola per informarci tra un porno e l'altro.

E poiché sono convinto che un fumetto vale più di 3000 parole chiudo citando il mio disegnatore preferito: Silver




Stiamo sempre all'erta, perché chi verrà dopo di noi ci giudicherà per quello che gli avremo fatto trovare.

Massimo De Disprezzo

blog: www.maxdisprezzo.com



nota 1:

Se Henry Ford fosse ancora vivo verrebbe a spiegare ai manager nostrani che quando gli italiani non avranno più soldi non potranno più comprare, neanche ai bassissimi prezzi degli schiavi cinesi !

Commenti

Post più popolari