trovato in rete: Che" impresa" fare una impresa !

Scusate il gioco di parole.

In questi giorni sono alle prese con la creazione di una societa' (una Sas).
Senza raccontare tutte le peripezie, ma giusto quanto basta per rendere una
idea delle trafile assurde per chi ci facesse un pensierino.

1) Firma dell'atto costitutivo dal Notaio.
2) Tampinare il notaio perche' comunichi alla camera di commercio un certo
codice (e siccome gli dici che hai fretta che almeno te lo comunichi...)
3) Andare alla Camera di comm. e "ritirare la smart card"
In realta' scopri che questa e' superata, oggi ti danno una pen drive con
dentro "tutto" (scopri che dentro non c'e' quello che ti serve per avviare
l'attivita') costo dell'operazione (40 euro)
4) Aspettare che telemaco ( il servizio on line con il quale paghi i
"servizi" che ti rendono perche' si possa dire che oggi ci si avvale di
fantastiche soluzioni informatiche !)
ti mandi un account e una password.
5) Accedere al servizio Telemaco e scaricare, con una procedura farragginosa
di registrazione, un programma chiamato Fedra plus.(ah... per fare questo
vi chiedono di registrarvi ma poi, non vi fanno scegliere account e password
e provi a scaricarlo nonvai avanti se non indichi account e password. Poi ,
frugando nel sito, si scopre che lo potevi scaricare benissimo senza
registrazione.)
Esiste un numero di help ... a PAGAMENTO e al quale non rispondono mai
lasciandoti ore in attesa (pagando....)
6) Fatto un po a cavolo, il programma dovrebbe aiutarti a compilare un
misero .pdf (bellissimo il fatto che usa un font tipo olivetti 56 del 1988
!) in cui si indicano dati che alla camera di commercio gia' hanno ! (ma
vuoi mettere farlo on line ?!)
7) Il programma ovviamente non colloquia con il programma di firma digitale
Dike (che se ti azzardi a scaricarlo dal sito di infocamere non funziona
perche' si aspetta che tu abbia un lettore ... e non la pen drive..lo
aggiornassero !
8) Dopo 5 tentativi alla fine Fedra si accorge che ho firmato il documento
ma vi assicuro che vanno provate tutte le sequenze di operazioni e
incrociare le dita.
9) Accedere al sito di Telemaco (ti chiedono acc. e pass 2 o 3 volte...) e
avvire una applet java che dovrebbe prendere in carico il tuo documento e
portarlo sul server.
L'applet e' tutta una garanzia ! stamane funzionava e nel pomeriggio
neanche a parlarne. Ho provato con IE 7 e FF 2 ma niente.
Si avviava il Jre ma l'applet non partiva. Allora provo con una "nuova"
interfaccia che rendono disponibile sul sito di telemaco e si chiama Tyco.
Istallazione per niente scontata per un utente medio e forse sono riuscito a
dire alla Camera di commercio che vorrei iniziare a lavorare.

Ora aspetto che esaminino i dati (che ripeto, hanno tutti e da diverse
settimane !) per dirmi se e' stata accetta.
Ah.... ho tralasciato le operazioni di caricamento del mio conto (130 euro )
con Telemaco fatte 2 volte visto che per loro non paghi bolli per fare
questo ma 90 euro di diritti di segreteria (!!) e un x per altre voci....

Insomma, se questa e' la semplificazione amministrativa e la strada per il
digitale nella pubblica amministrazione e lastricata di fallimenti,
anacronismi e inutili e dispendiosi giochini sterili.
Sembra una accozzaglia di operazioni burocratiche messe insieme per
incollare procedure esistenti e non pensate interamente come un unico
processo.
Manca , chiarezza (le responsabili al pubblico della camera di commercio mi
hanno guidato per ore al telefono e anche loro disponevano di informazioni
parziali, visto che cambiano le regole e le interfacce dei software senza
avvisare in tempo le camere di commercio !!), semplicita' e forse serieta'.

Per la pubblica amministrazione le imprese sono dei miracoli di pazienza.




Il commento:
Tristemente vero; Vedremo se i prox cinque anni di governo Mastrolindo riusciranno a sistemare anche questo "piccolo" problema che oggi allontana qualsiasi potenziale investitore estero.
Massimo De Disprezzo

Commenti

Post più popolari