Sull'Idoser e le droghe virtuali

L'ordine dei giornalisti ha lasciato che molti mass-media potessero liberamente annunciare una nuova droga basata su particolari file audio.

il trafiletto più diffuso al riguardo dice che:

Droga sotto forma di vibrazioni sonore.

L'allarme viene lanciato dal nucleo speciale frodi telematiche (Gat) della Guardia di finanza che notano con preoccupazione che il fenomeno, di cui non si conoscono gli effetti collaterali, vanta migliaia di appassionati che discutono attraverso la Rete, si scambiano impressioni e consigliano modalita' e tecniche di somministrazione.

Le nuovi "dosi" non hanno la forma di pasticche ne' sono confezionate in tradizionali bustine: la cyber-droga e' costituita da file audio, scaricabili gratuitamente attraverso siti web e forum telematici, alla portata di tutti e fuori da ogni controllo.

Particolare onde, ricomprese tra 3 e 30 Hz, ovvero le frequenze su cui lavora il cervello umano ,sono in grado di innescare le piu' diverse reazioni e sollecitare in maniera intensa l'attivita' cerebrale: le onde alfa, ad esempio, che vanno da 7 a 13 hertz hanno potenziale effetto rilassante.


La notizia è passata attraverso il tg1, il tg2, il tg3, repubblica e corriere e chissà quanti altri siti.
La smentita non è passata da nessuna parte eccetto qui: http://www.hwgadget.com/droga-virtuale-i-doser-bufala-0703.html e qui http://attivissimo.blogspot.com/2008/07/mp3-droganti.html

Meno male che l'ordine dei giornalisti ci tutela e protegge. Se ogni tanto chiedesse anche scusa però sarebbe meglio.

Massimo De Disprezzo
blog: www.maxdisprezzo.com

Commenti

Post più popolari