Sulla costellazione dei progetti google

La "famigerata" crisi finanziaria in atto ci sta mostrando alcuni lati cattivi del capitalismo. C'è chi da per morto il capitalismo ad ogni crisi... eppure alla fine è sempre lui il sistema che ritorna. E il motivo è semplice: sia il corporativismo fascista, sia il comunismo, sono miseramente falliti.

Il capitalismo ha però un altro lato cattivo. Un lato che fino a pochi giorni non avevo nemmeno immaginato. A nulla mi è valso leggere Adam Smith, proprio non ci sarei arrivato.

Circa un mese addietro google ha lanciato un grandioso progetto per fare beneficenza. In estrema sintesi è accaduto quanto segue:
I manager di google hanno messo sul piatto 10 milioni di dollari.
I manager di google ridistribuiranno questi soldi a chi darà la migliore idea possibile per migliorare le condizioni di vita del nostro pianeta.
La giuria valuterà i progetti sulla base di criteri quali "il numero di persone coinvolte nell'idea" o "il miglioramento della qualità della vità di questi ultimi" e via così.

Senza dubbio un progetto affascinante. Un progetto che stride violentemente con il concetto di capitalismo. Se nel capitalismo l'imprenditore assoggetta il proprio capitale al rischio di impresa, qui invece è google che dice soltanto: datemi una buona idea per migliorare il nostro pianeta e io ve la finanzio.

Ammirevole, sotto ogni punto di vista.

Così ho cominciato a pensare a qualcosa di interessante da proporre.

Panico.

Nonostante sia nel pieno della mia età attiva, nel pieno delle idee, nel fulcro dei miei anni ruggenti; nonostante abbia in passato attivato vari progetti, piccoli e medio-grandi che, con alterne fortune sono durati sino ad oggi; nonostante tutto... non ho nessuna idea da proporre.

Il concetto di capitalismo, inteso come la creazione di un bisogno che il consumatore deve soddisfare venendo da me, ha bloccato ogni mia possibile idea dove la beneficenza di google apre il circuito logico che il capitalismo vuole chiuso ad ogni costo.

Incredibile.

Mi è stato chiesto di spendere BENE 10 milioni di dollari e non solo non ho idee al riguardo. ma non riesco nemmeno ad immaginare come un progetto del genere possa sopravvivere quando saranno poi esauriti i 10 milioni di dollari !!! ( mi viene solo qualcosa tipo il micro-credito asiatico, ma anche li sono scettico)

Mi son detto, ok... allora sono io che sono tarato male. Il capitalismo forse non è il migliore sistema possibile, ma di certo posso chiedere aiuto a tanti dei miei amici.

Così ho girato la pagina di google a 20 miei amici, i più estroversi, dopo qualche giorno li ho sentiti telefonicamente e nessuno di loro aveva una idea valida.

Il capitalismo ha ucciso definitivamente la nostra voglia di fare del bene senza avere nulla in cambio.

Con somma tristezza

Massimo De Disprezzo
blog: www.maxdisprezzo.com

Commenti

Post più popolari