Il corto circuito del copyright

La mia attività di consulente IT a volte mi porta a conoscenza di simpaticissimi corto circuiti tra logica e copyright.

Un mio cliente decide di pubblicizzare tramite google un servizio che per sua natura si compone di più prodotti. Al fine di far capire la bontà del servizio in questione è ovviamente importante far capire di che azienda sono i prodotti che compongono il servizio.

Un conto è dire: Vendo un computer con mouse anonimo senza marca. Altro discorso è dire: Vendo un computer con mouse e tastiera Logitech. (esempio)

Ora non so come si comporti la Logitech dato che il mio è un esempio, fatto sta però che il fornitore del mio cliente ha chiesto a Google di non permettere l'uso del suo marchio sul web.

Quindi il concetto di protezione del marchio, insito nel copyright, è arrivato addirittura a vietare l'utilizzo dello stesso a terzi che vendono materiale di quel marchio protetto !

Ditemi voi se non è un corto circuito logico.

Massimo De Disprezzo
www.maxdisprezzo.com

Commenti

Post più popolari