Sulla manovalanza abusiva

Ho seguito per conto di un cliente la costruzione di un ponte radio Wi-Fi e per forza di cose sono venuto a conoscenza di svariati personaggi.

Il "perlustratore", ovvero colui che ha fatto il sopralluogo ed ha deciso per il montaggio di un economico traliccio da 12 metri.

Il "tecnico", ovvero colui che ha consegnato la base del traliccio al "tecnico edile" per l'affogamento nel plinto. Il tecnico non ha consegnato ovviamente nessuna misura o dimensione per il plinto.

Il "tecnico edile", ricevuto il progetto, ( un foglio di carta in stile naif ) mi ha raggiunto e mi ha detto candidamente.
- Qui non c'è scritto quanto devo fare lo scavo... Se posso, per la mia competenza sul campo di costruttore abusivo, direi che per un traliccio di 12 metri basta un plinto di 100x100x50. Va bene Dottò ?
a questo punto la mia risposta ironica è stata - "tanto vale facciamo un metro cubo tondo no ? Vada per 100x100x100 Ok ? - e lui serio - "eh no dottò... 100x100x100 sono 2 metri cubi".

Un attimo di smarrimento...

"No guardi, le assicuro che 100x100x100 rappresentano esattamente 1 metro cubo."
e lui - "No ma per il calcestruzzo è diverso".

....

Non fidandomi più ciecamente della sua esperienza sul campo, mi attacco al telefono e rintraccio il tecnico chiedendo gentilemente spiegazioni. Questi mi dice che un plinto di 80x80x40 va bene.

Il "costruttore abusivo" magari si fa fregare sulla fornitura del calcestruzzo però avrebbe potuto costruire l'ospedale dell'aquila senza farlo crollare al primo colpetto....


Massimo De Disprezzo

Commenti

Post più popolari